Software libero per produrre supporti ottici

Tutta la nostra produzione informatica ed audiovisiva possiamo conservarla sui molteplici supporti che la tecnologia ci offre e che sono praticamente classificabili in tre categorie:
• supporti magnetici,
• supporti a stato solido,
• supporti ottici.
I supporti magnetici sono i dischi rigidi, a partire da quello che abbiamo nel computer per arrivare a quelli esterni collegabili al computer attraverso la porta USB. Il punto debole di questi supporti, oltre a quello di soffrire la vicinanza a forti campi magnetici, è la parte meccanica: questi supporti sono infatti costituiti da dischi magnetici letti da una testina il cui braccio è in movimento. Il punto forte è la grande capacità di memoria in spazi sempre più piccoli e sempre meno costosi. Possono funzionare solo con un computer.
I supporti a stato solido sono le così dette chiavette USB e le memory card, nelle quali i dati vengono memorizzati in matrici di transistors capaci di conservare la carica elettrica per lungo tempo. Non hanno parti meccaniche, per cui non soffrono del punto debole attribuibile ai supporti magnetici: in compenso si dice che la memorizzazione non sia altrettanto longeva di quella effettuata su supporti magnetici. La dimensione fisica di questi supporti è ormai arrivata alla miniaturizzazione e si presta all’utilizzo su piccoli apparecchi come macchine fotografiche e smartphones. Il costo per unità memorizzata è di gran lunga superiore a quello dei supporti magnetici. Possono funzionare su computer attraverso la porta USB, alla quale sono collegabili lettori di memory card, se il computer non ne è dotato: ma i computer più recenti hanno ormai tutti la finestrella di lettura di questi supporti. Inoltre funzionano sugli apparecchi progettati per servirsene (tablet, smartphone, macchina fotografica, lettori di file musicali compressi come mp3 e aac, ecc.).
Il supporto ottico è un disco di policarbonato trasparente al cui interno è inserito un sottile foglio di alluminio, su cui vengono registrate e lette le informazioni tramite un raggio laser. La sua capacità di memoria, anche se non disprezzabile, non è nemmeno paragonabile a quella dei supporti magnetici o a stato solido, ma ha il vantaggio di essere eterna (unica precauzione quella di non danneggiare fisicamente il disco con graffi o deformazioni). Per utilizzare il supporto ottico è necessario apposito apparecchio, che può essere un semplice lettore o lettore/masterizzatore; quest’ultimo inglobato o collegabile via USB ad un computer. Gli apparecchi lettori e riproduttori hanno avuto grande diffusione da quando il supporto ottico ha sostituito il vinile nella produzione di dischi musicali e da quando si è diffuso il DVD cinematografico.
Mentre i supporti magnetici e i supporti a stato solido sono scrivibili e leggibili direttamente sul computer, cui sono collegabili via USB, alla stessa stregua di quanto si fa con il disco fisso, per i supporti ottici, oltre all’hardware, costituito dal masterizzatore, è necessario un software che governi quest’ultimo.
Il file PDF allegato contiene la descrizione dei due più famosi ed efficienti programmi di masterizzazione per Linux. Non mi risulta esistano analoghi programmi di software libero che funzionino su Windows e su OS X: per questi sistemi operativi esiste un’ampia scelta nel mondo del software commerciale.
Il file PDF è scaricabile e stampabile cliccando sul suo titolo qui sotto.

supporti_ottici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.