Programmi Windows su Linux e viceversa

Praticamente da quando c’è Linux si è lavorato, nel mondo del software libero, per creare la possibilità di eseguire su Linux programmi scritti per il sistema operativo Windows. La prima versione sperimentale di un software che lo consente risale al 4 luglio 1993 ed è stata seguita da una serie di altre versioni per sviluppatori e smanettoni, non alla portata dei comuni mortali. Il primo serio e concreto risultato destinato al grande pubblico risale al 17 giugno 2008, data del rilascio della versione 1.0 di WINE. Il 20 aprile 2017 è stata rilasciata l’ultima versione, la 2.0.1. Grazie a WINE possiamo utilizzare su Linux moltissimi programmi scritti per Windows. Moltissimi e non tutti: in genere girano bene i programmi per architettura a 32 bit e quelli che possono funzionare senza interfacciarsi con altri.
Con il rilascio dell’Anniversary Update di Windows 10, che risale al 2 agosto 2016, Microsoft ha fatto qualche cosa di simile rendendo possibile, per computer equipaggiati Windows 10 upgradato alla versione Anniversary su architettura a 64 bit, utilizzare la shell del sistema operativo Linux su Windows. Il tutto ad uso di di gente che usa la shell, cioè di gente che lavora a riga di comando (sviluppatori, smanettoni, hacker, ecc.).
Da qualche giorno fa bella mostra di sé su Windows Store una App, che si chiama Ubuntu e che rende più agevole di prima attivare questa potenzialità. La comparsa nello Store, cui accedono anche principianti e dilettanti, ha fatto credere a qualcuno che siamo arrivati ad un WINE rovesciato, cioè a qualche cosa che consenta di far girare su Windows qualsiasi programma scritto per Linux.
Purtroppo non è così e, per fare chiarezza, oltre che per diffondere la conoscenza dei meriti di WINE, ho ritenuto di proporre l’allegato vademecum, liberamente scaricabile, stampabile e distribuibile.

wine_wsl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.