Il più giovane compilatore open source

Una decina di anni fa, all’interno di Google e per problemi suoi, si avvertì l’opportunità di lavorare ad un nuovo linguaggio di programmazione che avesse le stesse funzionalità e la stessa potenza dei linguaggi C e C++ ma che fosse più facile da apprendere e da utilizzare.
Ne è nato il linguaggio Go, nome completo Golang, che Google ha immediatamente rilasciato come open source, facendolo diventare uno dei tanti gioielli del software libero.
Nel 2009 e nel 2016 è stato eletto Linguaggio di programmazione dell’anno dalla TIOBE, struttura che si occupa di monitorare la popolarità e la diffusione dei linguaggi di programmazione.
Nella sostanza, non so se sia molto facile da apprendere nella sua interezza ma sicuramente il suo utilizzo è molto semplificato, almeno rispetto a C e C++: tra l’altro, e non è poco, solleva il programmatore dalla preoccupazione di gestire la memoria, avendo incorporato un garbage collector che se ne occupa.
Da curioso dilettante ho cercato di capirci qualche cosa e mi sono sempre trovato di fronte a documentazione piuttosto difficile, evidentemente destinata a professionisti, ovviamente in lingua inglese. Anche la poca documentazione in lingua italiana è sempre piuttosto ostica e non scende mai alla portata del dilettante al quale basterebbero poche nozioni di base per cominciare a fare qualche programmino.
Ho pertanto ritenuto utile mettere a disposizione di tutti gli altri dilettanti curiosi, alla ricerca di cose semplificate, l’allegato manualetto in formato PDF, dove ho raccolto gli appunti su quello che ho capito io della struttura di base di questo linguaggio.
Come sempre, il documento è liberamente scaricabile, stampabile e distribuibile.

golang

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.